LOADING

Campagne pay per click

Campagne Adwords e Bing

Farvi trovare esattamente quando vi stanno cercando. È la forza della pubblicità gestita con campagne pay per click che consente di associare un vostro annuncio pubblicitario ad una determinata ricerca all’intero di un motore di ricerca come Google, Yahoo!, Bing o altri ancora. Il vantaggio della pubblicità pay per click è che pagate l’investimento pubblicitario solo quando l’utente clicca sul vostro annuncio. In questo modo è possibile indirizzare la vostra pubblicità ad un pubblico sempre più mirato e pertinente e interessato attivamente ai servizi che offrite.

Niente più dispersioni di budget ma le risorse che investite in pubblicità, nel tempo, saranno in grado di portare sul vostro sito traffico altamente qualificato, aumentando così la possibilità di generare conversioni. Il vantaggio della pubblicità pay per click, inoltre, è che vi consente di definire il vostro budget giornaliero e di spalmarlo nell’arco della giornata negli orari più proficui o nei giorni della settimana più adatti. Scoprite tutte le possibilità a i vantaggi delle nostre campagne pay per click.

Il nostro servizio di consulenza per campagne pay per click vi offre una vasta scelta di soluzioni in grado di definire al meglio il vostro target di riferimento e di esporlo nella maniera più adeguata ai messaggi pubblicitari giusti.

Come funziona il pay per clic

Il principio è molto semplice. Ogni utente decide un investimento massimo giornaliero (il budget) e seleziona una serie di parole chiave (keyword) che attiva i suoi annunci pubblicitari.

Quando un utente cerca quella parola chiave all’interno del motore di ricerca, potrebbe attivarsi e visualizzarsi l’annuncio pubblicitario dell’inserzionista. Ma sono molti gli inserzionisti che potrebbe desiderare visibilità per quella keyword. Quale sarà l’annuncio che si vedrà? Le campagne pay per clic in realtà non sono altro che un sistema di aste tra inserzionisti che offrono un costo per clic massimo sul proprio annuncio.

Ad esempio se tre inserzionisti puntano tutti e tre sulla stessa keyword, i loro annunci saranno visibili in basta al costo per clic massimo che ognuno è disposto ad offrire. Senza entrare nel merito delle altre variabili che entrano in gioco come la pertinenza, le landing page e i punteggi di qualità, si vedrà più in alto l’annuncio dell’inserzionista disposto ad offrire di più. Questi però pagherà solo per l’effettivo clic ricevuto sull’annuncio e pagherà l’importo minimo che serve a superare l’inserzionista che precedere. Se per esempio per la stessa keyword l’inserzionista A offre 50 centesimi e l’inserzionista B ne offre 40, se l’utente clicca sull’annuncio dell’inserzionista A, questi pagherà 41 centesimi (l’importo minimo per superare l’offerta immediatamente precedente) e non 50 centesimi.

Anche la pubblicità su Facebook è regolata da questi meccanismi di aste. L’unica differenza è che, anzichè puntare sulle ricerche degli utenti, gli inserzionisti vanno in asta su determinati tipi di pubblico che hanno definito.